suedsudanUebersicht it

südsudan2 slPortare speranza in un ambiente disperato

Il Sudan del Sud è uno dei paesi più poveri dell’Africa. Il sottosviluppo, prodotto da decenni di guerre, inondazioni stagionali, periodi di siccità, carestie ed epidemie, soffoca qualsiasi speranza in una popolazione traumatizzata.
I combattimenti in corso da dicembre 2013 hanno reso ancora più pesante la situazione, provocando la morte di decine di migliaia di persone e mettendo in fuga quasi due milioni di cittadini. In tutto il Paese mancano acqua pulita, presidi sanitari e assistenza medica.

Mobilitazione spirituale
Il Sudan del Sud - al contrario della Repubblica del Sudan, dove la popolazione è prevalentemente musulmana - è un paese a maggioranza cristiana. Tuttavia anche qui la situazione è drammatica: magia e occultismo sono molto diffusi. Molte delle chiese cristiane del luogo hanno pochissimo interesse a ubbidire al mandato missionario. ACP considera un suo compito specifico il fatto di avviare nel Paese una mobilitazione spirituale.

Good Hope Center: una speranza per i bambini
In questo Stato segnato dalla guerra, i bambini sono la categoria che soffre di più: stretti fra due fronti, senza una casa, dimenticati, disperati.
Il tasso di alfabetizzazione nel Sudan del Sud è spaventosamente basso: solo il 27% della popolazione sa leggere e scrivere. La maggior parte delle famiglie non può permettersi di pagare le tasse scolastiche o le spese per lo scuolabus, oppure non può rinunciare all’aiuto delle bambine in casa. A ciò si aggiunge che la maggioranza delle scuole è sovraffollata, con classi che contano fino a 100 studenti, e per questo i bambini non imparano quasi nulla.
Per questa ragione gestiamo un orfanotrofio, una scuola materna e una scuola elementare nel nostro Good Hope Center, attivo nella capitale Juba.