moldauNotleidende it

moldau3 seniorenheim slCasa di riposo Sarepta

Bussa alla porta ma nulla si muove. Preoccupata, la visitatrice guarda dalla finestra e vede l’amica sdraiata a terra in cucina, sul punto di morire di freddo perché non ha i soldi per pagarsi la legna da ardere. È uno dei numerosi casi di anziani i cui figli sono emigrati all’estero abbandonando i genitori a un destino di estrema povertà. Venti euro di pensione al mese, con i prezzi per il cibo simili a quelli dell’Europa occidentale, sono troppo pochi per sopravvivere.

A Sarata Galbena abbiamo costruito una casa di riposo. Quasi cinquanta persone possono trascorrervi gli ultimi anni della loro vita in modo dignitoso e senza doversi preoccupare del pane quotidiano.

Riconoscenza in forma poetica
La maggior parte degli ospiti della casa ha alle spalle anni di sofferenza quasi indescrivibile. Una signora anziana l’ha espresso in una poesia: »Persone anziane, trascurate dalla società, considerate merci la cui data di scadenza è superata. Hanno sopravvissuto a sofferenze e miseria e hanno conosciuto la solitudine. Eppure sono persone vive – con sentimenti, sogni e il desiderio di amore. Ora possono incontrasi, ridere insieme e riscaldarsi il cuore reciprocamente.«