indonesienUebersicht it

 

indonesie2 slTredicimilaseicentosettantasette isole

Ricordando Robinson Crusoè, chi finisce su una delle isole dell’Indonesia ha buone probabilità di dover aspettare a lungo prima di incontrare il suo »Venerdì«. Infatti solo poco più della metà delle 13677 isole del maggiore stato-arcipelago della terra sono abitate.

Riconoscimento grazie al soccorso dopo la catastrofe
Il nostro lavoro in Indonesia, molto rispettato tanto dalla popolazione quanto dal governo centrale, è iniziato quando lo tsunami ha colpito le sue isole con indescrivibile violenza nel dicembre 2004. Ci siamo affrettati sul posto e abbiamo soccorso, fra l’altro, 6500 persone in undici campi e fornito medicinali agli ospedali. Mentre altre organizzazioni sono state invitate con insistenza ad abbandonare il paese dopo i primi soccorsi, noi abbiamo ricevuto il permesso di rimanere. Abbiamo aiutato a ricostruire villaggi, fornito barche ai pescatori e macchinari agricoli ai contadini. Abbiamo prestato il nostro soccorso dopo l’eruzione dei vulcani Merapi e Sinabung e dopo il terremoto sull’isola di Giava. Il lavoro portato avanti per più di un decennio ha fatto crescere la fiducia dei musulmani nei nostri confronti.

Attenzione ai bambini
Dopo lo tsunami abbiamo accolto ottantasei orfani in tre istituti per l’infanzia. Nel frattempo sono diventati giovani adulti, si assumono le proprie responsabilità e si impegnano in progetti per bambini senza tetto: al momento seguiamo 100 bambini piccoli provenienti da famiglie estremamente povere, li accogliamo in scuole materne e li prepariamo all’inserimento scolastico. Con una regolare distribuzione di pasti offriamo un’alimentazione di base ai bisognosi.

Costruzione di chiese in un paese musulmano
In Indonesia, il paese musulmano più popolato della terra, i cristiani vivono in condizioni difficili. Noi li sosteniamo mentre svolgono il loro compito impegnativo e li seguiamo nel loro risveglio spirituale.

News

Indonesien

Indonesia: tra dramma e solidarietà

Prima un terremoto di magnitudo 7,6 della scala Richter, poi uno tsunami provocato dal terremoto. Morte e distruzione. Molti villaggi sono stati rasi al suolo in…
19. Novembre 2018
140