griechenlandPerseguitati it

griechenland3.1Faro al centro di Atene

Aiuto materiale alla sopravvivenza
La situazione dei rifugiati in Grecia è disperata. Un piccolo lume di speranza proviene dal centro cristiano nella città di Atene dove i rifugiati – soprattutto siriani, afgani e iraniani – possono presentarsi per chiedere assistenza. Al centro ricevono dei pasti e dei beni di prima necessità, imparano a conoscere delle persone che li ascoltano, sperimentano amore e riprendono coraggio. Due volte la settimana, dei cristiani iraniani e afgani preparano un pasto gustoso in enormi pentole e lo distribuiscono a circa 200 rifugiati che non sono costretti a nascondersi. A quelli che si nascondono il cibo viene portato nelle rovine, nei canneti, nei boschi o altrove.

Corsi che aprono nuove prospettive
Il lavoro fra i rifugiati in Grecia si sta ampliando. Vari corsi svolti pongono una base e offrono nuove prospettive: corsi di cucito per donne che in futuro permetteranno loro di guadagnarsi da vivere, corsi di lingua che facilitano la comunicazione e l’integrazione. Corsi di informatica che costituiscono un modesto fondamento per una possibile integrazione nel mondo del lavoro. Corsi di uncinetto che permettono di passare il tempo costruttivamente.

Appartamenti
Il centro per rifugiati affitta degli appartamenti per offrire un alloggio e sicurezza a famiglie di rifugiati in particolare pericolo. Per esempio a una donna afgana: ha rifiutato l’offerta di alcuni uomini afgani di vivere da loro, preferendo rifugiarsi con due bambini piccoli in un parco per la paura giustificata che si abusi di lei e dei suoi figli.

Trasporti umanitari
ACP ha già organizzato numerosi trasporti umanitari in Grecia. Oltre a capi di abbigliamento, coperte, letti e asciugamani, abbiamo spedito una cucina industriale per facilitare la preparazione dei pasti per i rifugiati.