aktuell gebetsanliegen head it

Asia 47763529 lAsia: il calderone dell’Asia centrale

Un migliaio di cristiani ha partecipato alla decima conferenza di preghiera dell’Asia centrale (Central Asian Prayer Conference) per digiunare e pregare per le nazioni dell’area. Immaginate il risveglio spirituale che ciò può avviare nelle nazioni rappresentate!

Alla conferenza abbiamo incontrato personaggi notevoli: il pastore Anatoli del Kazakistan settentrionale, ha fondato più di venti chiese e quattro altri missionari sono pronti a partire per raggiungerlo. Anche il pastore Vitali, nonostante la dura opposizione incontrata, ha creato una rete di chiese in una regione fortemente influenzata dallo sciamanesimo.

Parlando con queste persone sentiamo parlare del risveglio spirituale che sta avvenendo fra gli Uiguri nella regione cinese dello Xinjiang nonostante le persecuzioni. Un responsabile di chiesa del Turkmenistan racconta che la sua comunità ha la possibilità di riunirsi nell’edificio di una antica chiesa storica: i tempi difficili, caratterizzati da pressioni esterne, ridimensionano le differenze confessionali.

Tutti questi racconti rinnovano la consapevolezza che la preghiera è e rimane la chiave fondamentale nella fondazione di chiese.

L’Asia centrale è un calderone che contiene i popoli più disparati. La preghiera comune cambia l’atmosfera spirituale, perché ciò che Dio sta operando qui e oggi si possa man mano sviluppare, prima sottotraccia e poi in piena luce.

Preghiamo:
> per l’incoraggiamento delle chiese in Asia centrale;
> per la sicurezza dei cristiani nelle regioni in cui la persecuzione è in aumento;
> per un ulteriore risveglio e crescita delle chiese.