aktuell gebetsanliegen head it

Aethiopien UnruhenEtiopia – conferenza a rischio

Nei mesi scorsi centinaia di persone sono state uccise nel corso di manifestazioni di protesta che hanno avuto luogo in Etiopia. Il paese rischia di precipitare nel caos, e per questo motivo il Governo ha dichiarato lo stato di emergenza; al momento è impossibile viaggiare nella parte interna del paese e solo la capitale Addis Abeba è ancora accessibile agli stranieri.

Fra due settimane proprio in Etiopia dovrebbe iniziare la prima Conferenza ACP per l’Africa, ma la situazione in cui si trova in questo momento il paese rende difficile lo svolgimento dei preparativi. Iter burocratici solitamente piuttosto semplici sono diventati una prova di pazienza, e oltre a questo alcuni partecipanti non hanno ancora ottenuto il visto necessario per entrare nel Paese.

Alla conferenza si incontreranno pastori provenienti da varie zone dell’Africa, che spesso vivono e lavorano in situazioni molto pericolose e in ambienti ostili nei confronti dei cristiani. Hanno bisogno di riprendere fiato, di essere rafforzati e incoraggiati, ma anche di essere stimolati a guardare oltre il loro orizzonte limitato. Desideriamo ampliare la collaborazione delle chiese oltre il confine dei rispettivi Paesi: soltanto uniti saremo in grado di raggiungere l’Africa con il vangelo in modo efficace.

Preghiamo che:
> i disordini finiscano;
> fra i partecipanti alla conferenza regni l’unità;
> la conferenza si svolga sotto la guida di Dio e promuova una profonda trasformazione in Africa.