aktuell gebetsanliegen head it

SP Sudan1Sudan del Sud: guerra civile

Vi chiediamo con tutto il cuore di pregare per il Sudan del Sud. Le notizie di cronaca ci informano che il Paese rischia nuovamente di precipitare in una guerra civile. Abbiamo già parlato dei disordini a Raja e ora si ha notizia di combattimenti anche a Juba, dove ACP è impegnata con un suo progetto.

Il nostro collaboratore a Juba scrive: «Tre giorni fa qui è scoppiata la guerra. Siamo chiusi in casa mentre fuori la gente muore. Non ho mai sperimentato qualcosa di simile. Le pallottole hanno sfiorato il nostro tetto e come per miracolo nessuno di noi è rimasto ferito. Grazie a Dio, al momento siamo tutti al sicuro e in buona salute. Alcuni miei parenti che abitano nella periferia di Juba si sono rifugiati a casa mia. Ora siamo più di 40 persone stipate in una piccola casa con una sola stanza. In questo momento c’è silenzio ma non sappiamo per quanto tempo durerà la calma.
Molte persone sono state costrette a fuggire dalle loro abitazioni e cercano rifugio e protezione nelle chiese, negli ospedali e nei campi dell’ONU. Altri sono fuggiti nella foresta, dove sono senza protezione e senza niente da mangire. Io stesso ho tentato di uscire di casa per procurare cibo, ma non se ne trova. I soldati hanno forzato le i negozi e hanno saccheggiato tutto. Se nei prossimi giorni non riusciamo a reagire e a portare soccorso, la gente morirà di fame. Per gli abitanti del Sudan del Sud la situazione attuale è terribile, devono continuare a vivere nella paura mentre le organizzazioni internazionali richiamano il loro personale per motivi di sicurezza. Per noi questo è un segno che la situazione peggiorerà ulteriormente. La frontiera con l’Uganda è bloccata ma speriamo che si apra presto, in modo da consentirci di andare a cercare cibo per aiutare la gente.

Preghiamo perchè:
> arrivino presto dei soccorsi;
> i combattimenti finiscano;
> la comunità internazionale intervenga per proteggere la popolazione;
> in nostri collaboratori ricevano forza e protezione nel loro servizio.