aktuell gebetsanliegen head it

CinaCina | Tra arresti e spie

Come già noto, negli ultimi due anni in Cina le leggi sulla libertà religiosa sono state rese più stringenti e anche i nostri partner nel Paese ne sono direttamente colpiti. Questa settimana dedichiamo a loro le nostre preghiere.

A gennaio uno dei nostri referenti locali, Tian*, responsabile di un movimento di chiese nella Cina occidentale, è stato arrestato. Fino a oggi non abbiamo ancora ricevuto nessun segno di vita né da parte sua né da parte della sua famiglia; non sappiamo dove si trovi e siamo preoccupati per le sue condizioni di salute.

Quasi nello stesso periodo la chiesa di un altro referente di Acp, Jie*, è stata perquisita dalla polizia, mentre un altro gruppo di pastori è stato arrestato e numerose chiese sono state chiuse dalle autorità. Non sappiamo quali ripercussioni questi avvenimenti potranno avere sul movimento cristiano nel suo complesso.

Le autorità cinesi cercano con tutti i loro mezzi di agire anche contro le chiese domestiche, infiltrando all'interno dei gruppi le loro spie. Sappiamo che le autorità di una provincia nella Cina centrale hanno reclutato 500 studenti come informatori che tenteranno di aggregarsi alle chiese come “persone interessate alla fede cristiana”.

(*nomi modificati per motivi di sicurezza)


Preghiamo per...

> la protezione dei carcerati e delle loro famiglie;
> la forza e il coraggio di testimoniare di Gesù in carcere;
> le spie che vengono mandate nelle chiese, che possano essere influenzate dal messaggio di Gesù;
> la protezione delle chiese domestiche.