aktuell news head it

Mali 32 Zambia | La missione sulla strada

Ogni giorno, inevitabilmente, mi tuffo nel traffico per raggiungere il nostro centro comunitario, e ne approfitto per coltivare i contatti con i miei amici fermi sul ciglio della strada.

Diverse persone sono lì a vendere giornali; sono soprattutto giovani, alcuni sposati da poco, altri hanno già figli. Si concentrano in punti strategici: all'ingresso di una rotatoria, ai semafori, nei punti dove di solito si formano rallentamenti. A Lusaka, una città di tre milioni di abitanti, file di chilometri causate da incidenti stradali fanno parte della quotidianità. La maggior parte dei venditori di giornali sono sulla strada già alle cinque del mattino, tra polvere e gas di scarico, e molti li trovi ancora lì alle otto di sera. Del resto è l'unico modo che hanno per procurare il cibo alle loro famiglie.

Nel corso del tempo ho sviluppato interessanti amicizie. I ragazzi mi vendono i loro giornali, e in cambio do loro volantini cristiani, libri e bibbie, che distribuiscono subito ad amici e parenti. Se la situazione del traffico lo permette, mi fermano e mi bombardano con domande sulla Bibbia. Di tanto in tanto qualcuno di loro partecipa ai nostri culti, ma la maggior parte non può farlo perché deve lavorare anche alla domenica. Per loro, quindi, le brevi conversazioni intrattenute con me sono l'unico modo per saperne di più su Dio e sulla Bibbia. Sono affascinato nel vedere come queste persone crescono nella fede attraverso questi incontri lungo la strada. La Parola di Dio è potente e cambia le persone anche attraverso questi frangenti fortuiti.

La strada non è il nostro unico campo di missione: riceviamo buoni riscontri dai nostri spazi televisivi, in cui trasmettiamo culti e programmi prodotti della nostra chiesa, e inoltre distribuiamo Bibbie anche nelle prigioni: da anni vediamo carcerati convertirsi, diventare pastori e portare avanti ministeri di tutto rispetto.

Anche il lavoro è un'occasione preziosa per parlare di Dio: qualche settimana fa abbiamo incontrato una donna indiana arrivata di recente nello Zambia. Sta lavorando a un progetto in cui sono coinvolti alcuni dei nostri collaboratori e naturalmente loro ne hanno subito approfittato per invitarla alle nostre riunioni; da allora compare regolarmente, anche se è induista. Dopo cinque settimane, durante una colazione in chiesa, ha raccontato come la Parola di Dio ha cominciato a cambiare la sua vita e ha aggiunto: "Adesso ho bisogno solo di una Bibbia". Dal momento che ovviamente il nostro magazzino ne è ben fornito, siamo stati felici di esaudire immediatamente il suo desiderio.

Dopo il servizio la donna mi ha raggiunto per ringraziarmi: la fame della Parola di Dio è inconfondibile.

Siamo ansiosi di proseguire questo nostro servizio, portando la Parola di Dio alle persone che, parafrasando le parole di Gesù, aspettano sul ciglio della strada. In tutti i sensi.

* missionari in Zambia