aktuell news head it

SambiaZambia: clinica nella foresta

Ogni mercoledì a Kalundu c’è un insolito movimento. Molte ore prima che la nostra clinica mobile apra i battenti, decine di persone sono già in movimento dai villaggi vicini per raggiungere l’ambulatorio.
Le condizioni di vita nello Zambia sono relativamente superiori alla media degli Stati africani, ma questo non significa che i bisogni nel Paese siano pochi. Lo Zambia sta lottando contro un avversario pericoloso: il virus dell’aids. La speranza di vita media della popolazione è inferiore ai quaranta anni. ACP è attivamente impegnata nella lotta contro l’HIV: i nostri referenti nello Zambia allestiscono cliniche specializzate per i malati di aids, per garantire alla popolazione locale tutte le cure possibili, e inoltre visitano i pazienti che non sono in grado di affrontare il viaggio fino all’ambulatorio.
Sono soprattutto le donne incinte e le madri a rivolgersi alla nostra clinica: prima ancora che i nostri collaboratori inizino a lavorare, i pazienti sono già in attesa. Le donne incinte e le mamme con i loro bambini affrontano percorsi di diversi chilometri a piedi perché sanno che da noi ricevono delle cure sanitarie adeguate. E così succede spesso che, in un giorno solo, lo staff di ACP si prenda cura di oltre 200 casi.

I medicinali per combattere l’aids permettono alle mamme infette di condurre una vita normale e impediscono soprattutto che i neonati siano contagiati: questo è probabilmente uno dei mezzi più efficaci nella lotto contro il virus dell’aids.
Inoltre le infermiere impartiscono lezioni di igiene e svolgono anche un servizio di cura pastorale, specie quando le mamme, spesso molto giovani, hanno bisogno di incoraggiamento e di sostegno.
Il team lavora senza interruzione e senza pause fino a tarda sera, quando i collaboratori di ACP rientrano nelle proprie case, stanchi ma soddisfatti.