aktuell news head it

Moldavia 26

Moldavia | L’azienda vinicola diventa un centro comunitario

Dove in epoca sovietica si pigiavano le uve per realizzare il vino, ora bambini, giovani e adulti vengono accompagnati a vivere un’esperienza con Gesù.


Una povertà dilagante

In Moldavia, considerata la “casa dei poveri d’Europa”, molte persone vivono gravi situazioni di miseria. Così succede che le casette del nostro campeggio per i bambini moldavi vengano considerate decisamente lussuose rispetto alla media. Nonostante ciò, le autorità hanno recentemente dichiarato quelle sistemazioni non adeguate.


Importanti frutti

Più di 20 anni fa ACP ha acquistato un’area destinata ai campi di giovani e bambini, in collaborazione con un gruppo di chiese locali. Da allora, 34.000 bimbi hanno vissuto dei momenti speciali in quel luogo. L’hanno frequentato bambini provenienti da diverse chiese, da orfanotrofi, dalla strada e da famiglie povere. In migliaia hanno accolto Gesù nella loro vita. Oggi molti di loro sono attivi nelle chiese. «Vent’anni fa ho preso una decisione per Gesù durante uno dei campi per bambini - racconta Michael Costiuc - Da allora sono cambiate molte cose. Ora sono condirettore del Centro Cristiano di Sarata Galbena. E Dio mi ha dato una moglie e cinque figli».


Il nuovo centro

Le casette di quel campo avevano però bisogno di una ristrutturazione, ma i costi per intervenire sarebbero stati sproporzionati. Ecco perché il gruppo di chiese moldave, in collaborazione con ACP, ha deciso di acquistare un nuovo sito. Il nuovo complesso comprende una superficie di 18 ettari di terreni agricoli e uno stagno. È presente anche una cantina, oggi fatiscente, che in passato riforniva di vino gran parte dell’Unione Sovietica. La prima sala da ristrutturare necessita di tetto e finestre nuove. Docce e servizi igienici saranno posizionati in una dependance. Un’area fangosa dovrà essere risanata, i sentieri avranno bisogno di essere ripristinati e dovranno essere realizzati i campi da gioco e per le attività sportive.


Inizialmente il nuovo complesso sarà utilizzato per i campi dedicati ai bambini e ai giovani, ma a medio termine troverà posto anche un centro per congressi e conferenze a disposizione delle chiese moldave.
A proposito: il primo campo per bambini e ragazzi si svolgerà nell’estate 2020.