aktuell news head it

Moldau Identitaetswechsel Moldavia: una nuova vita per Oleg

Oleg viveva in una discarica tra rifiuti e ratti, abbandonato da tutti, disperato, sull'orlo del suicidio. Fino a quando due persone gli hanno offerto una seconda opportunità.

Due uomini stanno depositando i loro rifiuti nella discarica locale, quando sentono dei colpi di tosse. Addentrandosi tra i cumuli di rifiuti trovano Oleg e la baracca in cui vive. L’uomo è segnato dalla vita: dimostra più anni di quanti ne ha, le unghie dei piedi gli si sono staccate a causa del freddo, puzza di alcol, il suo sguardo è spento e disperato. Più di una volta, confida ai due, ha tentato il suicidio.

Il suo miglior amico è un ratto
Un tempo Oleg viveva felice con la moglie e i figli. Una vita familiare che lui stesso da bambino non aveva conosciuto: i suoi genitori lo avevano lasciato ai nonni ed erano scomparsi per sempre dalla sua vita. Oleg si era sforzato di essere un buon marito e padre ma qualcosa non ha funzionato. La suocera ha provocato tensioni sempre maggiori nella coppia, fino a provocare la fine del rapporto. Dopo il divorzio, Oleg ha soffocato il dolore nell’alcol ed è finito, letteralmente, in discarica: inizialmente ci andava per lavorarci, alla fine si è dovuto adattare ad abitarci, costruendosi un rifugio di fortuna. Lì, ogni notte, i ratti passavano sul suo corpo. Uno di questi è diventato il suo animale domestico e unico amico. Una situazione desolante che ha logorato Oleg, portandogli via la voglia di vivere. Fino a quell'incontro del tutto casuale.

Una via d'uscita
I due estranei sono davanti a lui, gli dimostrano un interesse genuino nei suoi confronti, gli chiedono come sta e se possono aiutarlo. Gli offrono un posto nel nostro centro di riabilitazione. Oleg è scettico: non è raro qui che i senzatetto vengano picchiati o uccisi. La gentilezza dei due uomini tuttavia lo colpisce. La volta successiva i due gli portano del cibo. Oleg decide di andare con loro al centro di riabilitazione.

Una nuova identità
Nel nostro centro molte persone hanno una storia simile a quella di Oleg. Tutti voglio dare una nuova direzione alla propria vita. Per Oleg il gruppo diventa come una famiglia: insieme affrontano la disintossicazione, si incoraggiano a vicenda. Oleg sperimenta un profondo cambiamento, la fede cristiana lo sostiene e dà un nuovo senso alla sua vita. Capisce che Gesù lo ama, a prescindere da quale sia stato il suo passato.

Oggi Oleg è libero dall’alcolismo, è membro di una chiesa cristiana e collabora a sua volta con il centro di riabilitazione che ha tanto contribuito a trasformare la sua esistenza, aiutando a sua volta altre persone a trovare una nuova identità.