aktuell news head it

PakistanPakistan | Pressioni sui cristiani

Una conferenza per responsabili di chiese e missioni incoraggia l'opera nel Paese.

Circa trecento pastori e responsabili si sono incontrati per una conferenza che li ha incoraggiati alla missione. Ogni raduno di questo genere è qualcosa di speciale, e lo è ancora di più in Pakistan, la prima repubblica islamica del mondo. Nel Paese i cristiani godono di una certa libertà garantita dalle autorità, anche se i fanatici religiosi e la pressione della società rendono la loro vita sempre più difficile, persino nelle attività semplici di chiesa.

Nonostante la situazione, a Peshawar, capitale della provincia di Khyber Pakhtunkhwa (situata nel Pakistan nordoccidentale), all’inizio di febbraio si è tenuta la sesta edizione della Frontiers Mission Conference; il tema principale degli interventi è stato la fondazione di nuove chiese e la diffusione del vangelo alle popolazioni più isolate. L'incontro è stato arricchito da una attiva partecipazione da parte dei presenti: «Molti responsabili di chiese e opere cristiane - ci ha riferito uno dei nostri collaboratori, oratore alla conferenza - sono rimasti entusiasti; penso che la nostra presenza sia stata di grande incoraggiamento per i cristiani del posto: in questo modo infatti i cristiani nei Paesi perseguitati non si sentono dimenticati e abbandonati. Per loro queste visite sono molto importanti, li aiutano a resistere nella battaglia spirituale».